Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, si accetta il nostro utilizzo dei cookie ok
Per maggiori informazioni o negare il consenso, [LEGGERE QUI].

Pagina Facebook di Vivi Cesena Pagina Twitter di Vivi Cesena

“LE BUONE MANIERE ”

“LE BUONE MANIERE ”
Città: Gambettola (Forlì-Cesena)
Indirizzo: Piazza 2' Risorgimento, 6
Luogo: Teatro Comunale di Gambettola
Categoria: Spettacolo
Periodo: Sabato 9 Febbraio ore 21
Descrizione:

Le Buone Maniere è una storia di uomini e fantasmi, di vittime e carnefici, che scava all’interno dell’animo umano per far luce su quell’istinto animale che ci porta a compiere azioni scellerate. Lo spettacolo riapre una ferita che ha macchiato di sangue le province dell’Emilia Romagna a cavallo tra gli anni ’80 e ’90: la “Banda della Uno Bianca

Le vicende della Banda vengono rivissute attraverso la storia di uno solo dei protagonisti: Fabio Savi. All’interno di una cella da ergastolano, Savi è tormentato dalla sua coscienza, una voce che lo obbliga, come un animale in gabbia, a fare i conti con il suo passato: dall’infanzia giù al fiume, al primo colpo al Casello Autostradale di Pesaro, fino agli omicidi.
In una notte senza riposo, quella voce nella sua testa si presenta ora in carne e ossa, nei panni di un giovane alterego irriverente, che gli sbatte in faccia la verità: tutte quelle vittime ingiustificate lasciate sull’asfalto. Vittime senza un perché, che vogliono giustizia, che vogliono non essere dimenticate!
Due monologhi. Due flussi di coscienza interpretati e vissuti da un solo attore in scena.
La messinscena è giocata su atmosfere semplici e crude in cui il realismo si alterna a ricordi che evocano un tempo distante.

Queste le parole di Michele Di Giacomo “Non è facile parlare della Uno Bianca. Non è facile perché le vittime sono state tante, tanto il dolore e la paura.
Quando si nomina la Uno Bianca, in Romagna e a Bologna, cala un attimo di silenzio.
Con questo spettacolo abbiamo voluto rompere questo silenzio, perché le nuove generazioni sanno poco di questa pagina che ha così scosso il nostro territorio.
Io da romagnolo ho solo ricordi da bambino, ricordo mia zia che quando parcheggiava la Uno Bianca veniva accostata dalla polizia, ricordo che mi teneva la mano e che scendeva la tensione.
Con rispetto abbiamo voluto ricordare e raccontare, nell’unico modo in cui siamo in grado di fare noi artisti: facendo teatro.”


info e prenotazioni 392 6664211

Vivi Cesena - Gruppo Vivi Romagna - Elevel srl - P.IVA C.F. 02422490397 - Privacy Policy